pH

è l'unità di misura che indica il grado di acidità o basicità di un terreno

La maggior parte delle colture orticole cresce senza problemi con un pH debolmente acido tra 6,0 e 6,8 o neutro. Esistono alcuni ortaggi con esigenze particolari e per questo motivo potrebbe essere necessario “correggere” il pH del terreno per adattarlo al tipo di coltura.

Terreno neutro

Il terreno con un pH compreso tra 6,8 e 7,3 è considerato neutro e rappresenta il terreno ideale per le coltivazioni orticole. Molti dei microelementi riescono ad essere assorbiti in modo ottimale in questo tipo di terreno, cosa che non avviene nei terreni acidi o alcalini.

Terreno acido

Il terreno con un pH acido (valori compresi tra 5,5 e 6,0) generalmente è poco fertile. L'attività dei batteri e dei funghi, organismi essenziali per la decomposizione delle sostanze organiche sono impedite. Elementi quali il calcio e il magnesio sono insolubili e quindi inutilizzabili dalle piante.

Correzione di un terreno acido

Si può aumentare il pH incorporando della calce nel terreno, operazione da eseguire prima della vangatura e da ripetere ogni 2-3 anni.

Terreno alcalino

Il terreno con un pH alcalino (valori oltre 8,5) generalmente è argilloso. L'attività dei batteri e dei funghi, organismi essenziali per la decomposizione delle sostanze organiche sono impedite. Elementi quali il ferro, lo zolfo e il potassio sono insolubili e quindi inutilizzabili dalle piante.

Correzione di un terreno alcalino

Si può ridurre il pH incorporando letame e compost in dosi medio alte o in casi estremi del gesso nel terreno.