Struttura del terreno

The Story Behind PopIt

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

coltiviamolorto.it

Esistono terreni di diversa natura, si va da quelli sabbiosi (struttura incoerente) a quelli argillosi (struttura compatta – pesanti).

La condizione migliore si ha quando un terreno è formato da piccole zolle attraversate da piccoli canali che consentono il passaggio dell’aria e dell’acqua.

La struttura, influenza la crescita delle piante attraverso i seguenti fattori:

  • Areazione – porosità del terreno.
  • Permeabilità – assorbimento dell’acqua.
  • Crescita delle radici – possibilità di esplorare il terreno.
  • Attività biologica – attività degli organismi viventi nel terreno.

ed è a sua volta influenzata da :

  • Sostanza organica, in grado di migliorarne la struttura.
  • Lavorazioni e fauna terricola, con il mescolamento della sostanza organica al terreno.
  • Aggiunta di ammendanti per correggere le caratteristiche negative del terreno.

E’ il modo in cui le particelle elementari di un terreno si aggregano.

Identificazione del tipo di terreno (in agronomia)

  • Fertile – ricco di humus 
  • Sterile – povero di humus                                                             
  • Profondo – favorisce un buono sviluppo dell’apparato radicale  
  • Fresco – umido
  • Secco – arido
  • Permeabile – privo di ristagni d’acqua
  • Impermeabile – non assorbe l’acqua

Le erbe infestanti come indicatrici della struttura

La prevalenza di una o più specie ha un significato indicativo.

  • In un terreno sabbioso troviamo: es. Portulaca, Artemisia, Erba argentata e Lingua di bue.
  • In un terreno argilloso troviamo: es. Ranuncolo strisciante, Altea e Potentilla.

In un terreno di medio impasto troviamo: es. Ortica e Stellaria.