Rotazione delle colture

The Story Behind PopIt

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

coltiviamolorto.it

La rotazione migliora la resa delle colture, permette di controllare lo sviluppo di certe malattie/parassiti delle piante e di salvaguardare la fertilità del suolo (stanchezza del terreno).

Esistono diverse modalità per eseguire la rotazione delle colture:

  • differenti esigenze nutritive dei singoli ortaggi (ortaggi molto esigenti, mediamente esigenti e poco esigenti).
  • dividendo tra le verdure: verdure da frutta, da foglia, da fiore e da radice.
  • affinità tra specie differenti (alcune specie producono meglio se ne seguono alcune mentre vengono svantaggiate se ne seguono altre).

 

Far seguire nella stessa aiola ortaggi appartenenti a specie differenti.

ROTAZIONE PER ESIGENZE NUTRITIVE

Rotazione triennale.

Suddividere l’orto in tre parti A, B e C.

Nell’aiola A coltivare gli ortaggi molto esigenti, nell’aiola B coltivare gli ortaggi mediamente esigenti e nell’aiola C coltivare gli ortaggi poco esigenti.

Nel ciclo successivo gli ortaggi dell’aiola B si semineranno nell’aiola A (sfrutteranno la fertilità residua) ai quali seguiranno poi le piante dell’aiola C rappresentate dalle leguminose, in grado di fissare l’azoto atmosferico e arricchire il terreno di sostanza organica e quindi migliorare il terreno che così potrà ospitare le piante più esigenti e riaprire il ciclo.

Gruppo A
(ortaggi molto esigenti):

Cavoli, cetrioli, melanzane, patate, peperoni, pomodori, sedano, spinaci, zucche e zucchine.

Gruppo B
(ortaggi mediamente esigenti sfruttano la fertilità residua):

Aglio, barbabietole, carote, cicoria, cipolle, finocchi, porri, radicchio, rapa, ravanelli, rucola.

Gruppo C
(ortaggi poco esigenti):

Insalata, Fagioli, fagiolini, fave, piselli, prezzemolo, taccole.

Grazie alla rotazione è possibile limitare l’utilizzo di prodotti chimici ad azione fitosanitaria.